31 agosto-3a tappa: ISTANBUL

Trip Start Aug 23, 2011
1
9
13
Trip End Oct 05, 2011


Loading Map
Map your own trip!
Map Options
Show trip route
Hide lines
shadow
Where I stayed

Flag of Turkey  ,
Wednesday, August 31, 2011

                   ISTANBUL
Istanbul è una città ricca di fascino, sospesa fra Europa e Asia, fra passato e presente. Fondata oltre 5000 anni fa, fu capitale di due degli imperi più potenti del passato, quello bizantino e quello ottomano: ogni sua pietra è intrisa di storia.Oltre alle vestigia di un illustre passato, c'è poi una città viva, che si sta reinventando come moderno centro di vita notturna, gastronomia e shopping. L' unica soluzione per coglierne l' essenza mutevole è tornare.

 
31 agosto 
 
Arriviamo all'aeroporto Ataturk di Istanbul in perfetto orario e con un pulmino di una compagnia che effettua servizio di collegamento con il centro della città. Prenotiamo anche il ritorno......che sarà molto, molto avventuroso, capirete perchè alla fine del diario... Arriviamo all' Hotel Avicenna posto nel centro della città, nel quartiere di Sultanahmet, a poca distanza da Santa Sofia e dalla Moschea Blu.Decisamente l' albergo è molto carino: è una casa tradizionale in legno del 19 ° secolo che è stata trasformata in un elegante hotel nel 1990 e completamente ristrutturato nel 2008. L'hotel offre un comfort esclusivo e un servizio completo con un tocco personale.I tessuti di lusso di fabbricazione esclusiva, arricchiscono le camere con delicata combinazione di figure tradizionali ottomane  e moderne. Una rapida sistemata ai bagagli e... a noi, e subito in marcia per le vie di Istanbul: destinazione l' ufficio delle informazioni turistiche che si trova nelle vicinanze dell' albergo e dopo la Stazione Sirkeci famosa per essere punto di partenza ed arrivo del famoso Orient Express, il treno passeggeri a lunga distanza messo in servizio dalla Compagnie Internationale des Wagons-Lits che collegava Parigi gare de' l' Est a Costantinopoli (l'odierna Istanbul). Iniziato nel 1883, il servizio si interruppe per le guerre mondiali fra il 1914 e il 1921  e fra il 1939 e il 1945, per cessare definitivamente nel 1977 a causa della concorrenza dei trasporti aerei. L'Orient-Express rimase un servizio quotidiano Parigi-Vienna fino alla riduzione del tragitto nel 2007 e alla definitiva cancellazione il 14 dicembre 2009. Ci dirigiamo verso la costa e già vediamo stagliarsi le imponenti forme della Moschea Blu e di santa Sofia che visiteremo in seguito. Percorriamo l' Alemdar Caddesi, l' Ebussuut Caddesi, l' Ankara Caddesi fino a raggiungere la Sirkeci Station che risale al 1890 ed è un ottimo esempio di progettazione orientalista europeo, fatto da una combinazione di granito, marmo e pietra. Gli interni poi richiamano motivi decorativi orientali molto eleganti. Il museo ferroviario di Istanbul è impostato anche all'interno la stazione Sirkeci. 300 oggetti sono in mostra tra cui mobili originali, modellini di treni e carrozze, fotografie e piani costruttivi. Continuando poi verso il mare eccoci al porto di  Eminonu dai cui moli partono i traghetti della città e i battelli per la crociera sul Bosforo che faremo nei prossimi giorni. Il traffico è molto intenso sulla strada a doppia carreggiate che costeggia il litorale.La zona, molto vivace, per le moschee, i mercati, i magazzini che vendono di tutto, dai pretzel (ciambelle di origine tedesca) agli orologi contraffatti. Torniamo all' hotel per il pranzo e anche per cambiarci d' abito: fa abbastanza caldo!Con la metropolitana cosiddetta di "superficie", che altro non è che un tram veloce molto efficiente negli orari, con aria condizionata e soprattutto "profumato"attraversiamo il ponte Galata fermiamo alla fermata di Karakoy e arriviamo a Beyoglu con la funicolare denominata Tunel che sale su un ripido pendio. Costruita dai francesi nel 1874, è una delle funicolari più antiche del mondo. Su in cima saliamo sull' allegro vagone rosso del tram d' epoca, anticamente a cavalli, elettrificato nel XIX secolo , diventato un simbolo della città, che percorre la variopinta ed affollatissima Istikal Caddesi, schivando miracolosamente i pedoni e con aggrappati "scugnizzi" che io chiamo "turchesi". Dopo Barcellona e San Francisco è il terzo tram d' epoca! La piazza Taksim dove termina la corsa è molto viva e piena di negozi. In serata torniamo con il tram (abbiamo il biglietto cumulativo Akbil, ricaricabile secondo le esigenze) ammiriamo le moschee illuminate come pure illuminato è il nostro albergo e gli edifici circostanti. Ceniamo al ristorante posto sul roof garden dell' hotel godendo di una suggestiva vista sul Bosforo ascoltando la preghiera del muezzin.  
Slideshow Report as Spam

Use this image in your site

Copy and paste this html: