Oggi sono commosso!!

Trip Start Feb 13, 2008
1
8
15
Trip End Mar 02, 2008


Loading Map
Map your own trip!
Map Options
Show trip route
Hide lines
shadow

Flag of Peru  ,
Wednesday, February 20, 2008

Arequipa e' una citta' bellissima! La carettiristica principale della citta' bianca e' l'architettura prettamente coloniale e l'utilizzo, come roccia da costruzione, della Sillar, una roccia vulcanica simile alla pomice ma molto piu´resistente, da latteo colore bianco, da cui deriva il soprannome della citta'. La prima serata ad Arequipa e`passata girando per le strade in compagnia di Noel, di Diego e della ragazza Australo-asiatica che poi ho scoperto chiamarsi Grace, non kristel come avevo sbadatamente capito. Abbiamo mangiato un boccone, e' ho onorato la donazione di Michele scegliendo un buonissimo piatto a base di manzo, verdure e una sorte di salsa al peperoncino, il tutto innaffiato da una gelata birra cusqueña, strepitoso! Grazie di nuovo! Tra le varie chiacchere sono stato convinto ad emigrare in Australia, dove e' praticamente un abitudine prendersi un anno di ferie per girare il mondo, senza preoccuparsi del lavoro, perche' tanto al ritorno ti aspettano a braccia aperte, in piu' Grace lavora per l'ufficio immigrazione di Sidney e quindi.... Durante la serata pero' Grace comincia a dire che il trekking per lei non e' adatto, che le fa male un ginocchio, che il gomito le fa contatto con il femore, che ha le papille gustative in avaria.....insomma non viene piu', lo sapevo! In ostello in piu' scopriamo che anche i due ragazzi argentini hanno dato forfait, hanno abbandonato, e con loro scompare anche la mia possibilita' di parlare un po' in spagnolo durante il trekkimg, ora solo inglese, sigh!. Siamo rimasti Io, Diego e Noel a voler andare, Jorge ci dice che non e' un problema, anziche' andare con un furgoncino privato possiamo andare con i vari collectivos, ma il giro lo possiamo fare lo stesso, ci guardiamo negli occhi, tutti e tre sappiamo la risposta! Si va lo stesso, stanotte si parte e non avrete mie notizie per i prossimi tre giorni!!!
Il giorno dopo (oggi) lo prendiamo con calma, nessuna sveglia, abbondante colazione e giro per la citta'. Siamo sempre io, Noel, Grace e Diego. Decidiamo di fare un giro per il rutilante mercato di Arequipa. Uno spettacolo, un esplosione di odori, personaggi, scorci e colori da far girare la testa, in piu' la cosa che colpisce e' la disarmante genrilezza del popolo arequipeño, disponibile, sorridente, orgoglioso, non assalta il turista, ma lo lusinga in cerca di qualche sol. Inoltre il popolo della citta' bianca e' inventore dei piu' strampalati commerci: tra una bancarella e l'alttra ecco che compare il venditore di lacci di scarpe, un uomo completamente ricoperto di lacci che vende per pochi soles, oppure puoi trovare il venditore di telefonate, costui (ogeneralmente costei perche' sono quasi tutte donne) gira con due o piu' telefoni cellulari legati da una catena ai polsi e vende le telefonate ai passanti, 0.50 sol al minuto (12,5 centesimi di euro), proprio cosi', si puo' comprare semplicemente l'uso del telefonino, che rimane sempre legato saldamente al polso del venditore. Poi passiamo difronte ad una bancarella abbastanza "caratteristica", tra le varie pozioni in esposizione ci salta subito agli occhi una scritta "Jugo de Rana". Jugo de Rana? Succo si Rana? Si proprio cosi', quello che la bancarella vendeva era un intruglio a base di un frullato di RANA! Io, diego e noel ci guardiamo e, come dei bambini difronte ad un nuovo gioco, decidiamo di provarla. Grace scappa a gambe levate!! La caratteristica e' che ci si trova di fronte ad una vasca contenente le rane e si puo' scegliere `la propria da "bere", noi scambiamo due chiacchere con la venditrice, ci facciamo spiegare come scegliere la migliore, e quindi scegliamo la nostra vittima, la signora la prende con socurezza per le zampe posteriori, la sbatte con un colpo deciso sullo sgabello su cui siede, con una tecnica precisa toglie la pelle e le interiora che deposita in un contenitore (non le butta!!) e poi getta il corpo scorticato della rana in una pentola con acqua bollente e miele, quindi prepara il frullatore, comincia a buttarci dentro nell'ordine: malto, uova di quaglia (intere!!!!), cannella, miele e altri ingredienti di cui non so e non voglio sapere nulla. Non appena le rane sono pronte le getta con tutto il brodo nel frullatore e lo fa andare per qualche secondo. Poi sciacqua un bicchiere e ci filtra dentro il contenuto del frullatore ancora caldo e lo pone sul bancone tra me, Noel e Diego. Ci guardiamo. L'aspetto e' orripilante. Una poltiglia densa e marroncina che decisamemte non sembra saporita. Per qualche istante guardiamo il bicchiere senza fiatare, mi faccio coraggio e prendo iniziativa, afferro il bicchiere, stringo la mano ai miei compagni di viaggio e via un bel sorso!!! Che dire..Al primo assaggio sa di malto, ma basta attendere un po' e il sapore salato e un po' paludoso della rana fuoriesce, fa SCHIFO! Tremendamente schifo! Forse e' una delle cose piu' schifose che abbia mai ingerito, ma finiamo tutto il bicchiere, non ne lasciamo nanche una goccia, era una prova di forza, nessuno l'ha fallita, ma tutti e tre siamo sicuri di una cosa, MAI PIU'! Per sciacquare la bocca decidiamo di andare a mangiare qualcosa di "normale". Solito caldo di gallina!. Il giro per il mercato prosegue tra porcellini d'india, vivi pronti da cucinare, cani (no questi non li mangiano), e ogni tipo di spezia che la terra peruviana possa offrire. Usciti dal mercato ci dividiamo: Io, Noel e Grace andiamo a vedere il monastero di Santa Catilina, Diego invece fa tappa al museo andiano. Il monastero e' molto interesante, una citta' nella citta', 20.000 mq di celle, chiese, cantine e sale ornate di tutto punto con prestigiosi quadri di epoca coloniale, l'architettura coloniale non manca e la visita risulta interessante. In piu' all'ingresso del monastero incontriamo la gita di Italiani che avevo incontrato quache giorno  prima a Pisco, mi fanno le feste, mi tempestano delle solite domande, ma stavolta mi offrono lora la guida, per cui il percorso attraverso il monastero lo facciamo con la guida in Italiano, e la mia conseguente traduzione di tutte le spiegazioni in inglese ai miei due compagni di viaggio, che fatica!!! Ma molto bello e utile per l'inglese, che comunque fa schifo! All'uscita dal monastero saluto la gita torinese, che mi invita ad andare con loro a Puno, ma il mio imminente trekking per il cañon mi dispensa dal dover accettare. Grazie lo stesso! Sono le 16, dobbiamo stare in giro fino all'1 perche stanotte siamo senza ostello, e scegliamo di andare a vedere un'altro museo, stavola la guida e' in inglese (par condicio) . Il museo ospita alcuni dei corpi rinvenuti tra i ghiacciai dei vicini vulcani, sono i corpi dei bambini o fanciulle sacrificati dalle popolazioni inca in nome delle divinita' locali, anche questo giro risulta interessante ma tralascio la descrizione.
Dopo di che il nostro unico interesse e' trascorrere il tempo fino alla partenza, abbiamo lasciato gli zaini all'ostello, dove solo Grace continua ad avere un letto, e cercheremo di ammazzare un po' il tempo, io scelgo di stare un po' su internet, e da qui vi scrivo. Questo sara´l'ultimo post per il prossimi tre giorni, nel cañon non avremo internet, quindi state tranquilli se non mi sentite. L'ultima cosa che volevo dire prima di chiudere e' che siete tutti grandissimi!!! Grazie per le innumerevoli donazioni che onorero' al meglio, grazie per i commenti che mi commuovono, grazie per seguire il mio viaggio che ogni giorno e' scoperta, insomma grazie a tutti e vi prometto che tutto questo non verra' mai dimenticato, in due parole: oggi sono commosso!! 
Slideshow Report as Spam

Comments

doncaffa
doncaffa on

Grazie a noi?
Ma grazie a te!! spero davvero che le donazioni servano a finanziare non solo le birre ma l'intero viaggio...resta li' per 2 mesi e continua con i racconti delle tue giornate...ma parliamo anche dei paiceri della carne... un colpetto all'australiana-asiatica?? sei stato un po' troppo 'evasivo' quando parlavi di lei... gatta ci cova???

pazzo_collega
pazzo_collega on

....minimo da 7 ricorda!!!
In questi 3 giorni di trekking ricorda gli insegnamenti della palestra...e poi potresti tornare in forma smagliante e sbaragliare la concorrenza...ci aspettiamo grandi notizie al tuo ritorno..magari la stessa cena con l'aragosta....

danidani
danidani on

Re: Grazie a noi?
Concordo con doncaffa...Grazie a te!! E ci tengo a complimentarmi per il tuo stile, scrivi davvero benissimo!!! Continua a raccontarci le tue avventure...

Add Comment

Use this image in your site

Copy and paste this html: